Perché percorrere a piedi 110 chilometri lungo la Costiera Amalfitana quando c’è la statale 163 detta “l’Amalfitana” che lo fa in 50? Vedi gli stessi paesi, ti rilassi sulle stesse spiagge, sei ospite degli stessi ristoranti e degli stessi alberghi. Allora perché a piedi? Vediamo.

In macchina non c’è mai una piazzola di sosta quando vuoi fermarti per scattare una foto.
A piedi sorridi mentre cammini all’ombra degli ulivi, sgranocchiando una carruba, lasciando che lo sguardo si perda sui terrazzamenti di viti e limoni fino al mare.

In macchina sbuffi se ti ritrovi dietro un pulmann che sale ai dieci all’ora.
A piedi sorridi quando cedi il passo ai muli sul sentiero stretto a strapiombo sul mare. Succede sul Sentiero degli dei da Bomerano a Positano.

Il Sentiero degli Dei

In macchina rischi la carrozzeria quando in un tornante incontri qualcuno che ha preso la curva un po’ larga, come te.
A piedi scambi due parole, anche in inglese, con chi ha fatto la tua stessa scelta e può capitare che oltre all’esperienza si condividano le leccornie rimaste dalla colazione.

In macchina quando stai per arrivare a Sorrento pensi solo al parcheggio che non troverai.
A piedi quando stai per arrivare a Sorrento prendi una deviazione verso sinistra e in un attimo ti tuffi in mare dai resti di una villa romana di duemila anni fa o fai l’asse d’equilibrio tre metri sopra il mare. Succede alla Villa di Pollio Felice o Bagni della Regina.

Coltivazioni a terrazza

In macchina quando sei a Sorrento pensi solo al parcheggio a pagamento che sta per scadere.
A piedi camminando per Sorrento arrivi al Vallone dei Mulini e scopri che i presepi non sono solo in miniatura.

In macchina ti serve pazienza.
A piedi ti serve allenamento, buone scarpe, bastoncini e zaino da quaranta litri.

Il nostro #e-diario!

In macchina la prima preoccupazione della giornata è g colazione: sfogliatella o babà?
A piedi camminerai tutto il giorno, quindi a colazione nessun problema: sfogliatella e babà.

In macchina vai a visitare il Museo della Carta di Amalfi perchè te lo hanno consigliato.
A piedi ti butti per caso nel Museo della Carta perché fuori piove e scopri che ad Amalfi fanno la carta da sempre, altro che pergamene d’Egitto!

In macchina se piove hai un riparo.
A piedi se piove ti prendi la febbre.

…e non era l’ultimo.

In macchina se vuoi assaggiare gli agrumi di zona li compri.
A piedi se vuoi assaggiare gli agrumi di zona allunghi una mano. (Mai fatto però!)

E allora cosa aspetti? Il diario del nostro trekking della costiera amalfitana, con tracce GPS e consigli pratici, è disponibile in formato EPUB o MOBI sul nostro store, su kobo e probabilmente sul tuo store preferito (amazon ci sta facendo penare per la pubblicazione …)