la pianura saluzzese

Quando da Torino vuoi andare nel cuneese, attraversi una grande pianura, fiorita in primavera, verde d’estate, noiosa d’inverno. E’ la pianura saluzzese, decorata dai suoi inifiniti alberi da frutta.

Per circolare agevolmente su queste strade devi saper eseguire in scioltezza il sorpasso del trattore: qui è argomento d’esame per la patente di guida, pari merito con lo spunto in salita. Il trattore qui è onnipresente e spesso non riposa neanche la domenica, perché l’agricoltura, nonostante le nuove tecnologie, pare abbia ancora qualche problema con weekend e vacanze.

Su queste strade vedrai l’uomo di città alla guida fremere di impazienza, nel suo unico giorno di potenziale relax, quando per colpa di qualche macchina che osa circolare nella direzione opposta non riesce a superare immediatamente il tranquillo trattore. Secondi rubati alla sua costante fretta, che talvolta diventano minuti, per i più imbranati arrivano a rasentare il quarto d’ora. Darà anche fastidio, rallenterà anche il traffico, ma è proprio grazie a quel trattore lento e ingombrante che qui crescono primizie deliziose, il suv invece a che serve? Chiediamocelo la prossima volta che dobbiamo rallentare perché incontriamo un mezzo agricolo sulla nostra strada, alziamo il piede dall’accelleratore e pensiamoci: è davvero un male che un trattore ci stia rallentando o non è piuttosto un bene il semplice fatto che ancora esistano trattori che lavorano la terra?

Ma torniamo al dunque.

L’uomo non ascolta ma il telefono si’

Quando da Torino vuoi andare nel cuneese, puoi scegliere tra mille combinazioni di statali: tutte attraversano la pianura saluzzese, tutte si assomigliano. Anni fa avevi la tua preferita “Moretta, Verzuolo, Busca” poi i navigatori te ne hanno mostrate altre, mai le stesse e hai deciso di lasciare fare a loro. E mentre “loro” fanno, ti guardi attorno alla ricerca di una cascina dicendo al pilota qualcosa tipo “Dovremmo comprare frutta e verdura “. Il pilota non fa una piega, in compenso il navigatore ti risponde “Visualizzazione dei risultati per frutta e verdura lungo il percorso”. Perchè l’uomo non ascolta, ma il telefono sì.

Da quel momento due sono le cose che chiedi sempre al tuo Google Maps: “azienda agricola” e “gelateria”. Nella pianura saluzzese devi chiedere “Azienza Agricola”, così invece di guardare il panorama fuori dal finestrino, invece di ammirare il verde, le montagne e i tradizionali cartelli di tutte le cascine che stai effettivamente incontrando lungo il percorso, tu tieni gli occhi fissi sul solito schermo che ti dice, a caratteri piccolissimi, quello che potresti trovare di fronte a te a caratteri cubitali. Geniale.

CASCINA MOMBELLO

Certo guardare fuori dal finestrino é ben più interessante, incroci trattori carichi di fieno, alberi fioriti in primavera, campi verdi in estate, con il Re di Pietra e le altre montagne a fare da sfondo al tuo viaggio e tra una cosa e l’altra finalmente eccolo: un cartello a forma di fragola gigante con scritto inequivocabilmente “FRAGOLE“. Lo segui e approdi alla Cascina Mombello: sei appena fuori Cavour e ancora non lo sai, ma stai per assaggiare le fragole più buone dell’anno.

Le fragole di Cascina Mombello di Cavour

Ti ritrovi in un agriturismo, con un bel prato verde dove giocano famiglie e ragazzini, ma poco ti importa, vai diretta al capannone delle fragole. Le vedi e inizi a gustarle con le pupille degli occhi prima che con le papille della lingua. Ne prendi due cestini, un chilo a soli 5 euro. Ottimo. Ne offri una al socio e l’altra l’assaggi tu. Un’occhiata complice e siete subito d’accordo: quelle fragole non arriveranno mai a casa, esaleranno l’ultimo respiro in questo bel prato. E così è, in meno di un quarto d’ora, neanche il tempo di sorpassare un trattore. Eppure tornare a casa a mani vuote non si può, quindi rientrate nel capannone per ripetere l’acquisto. Ora a servirvi è un uomo più giovane, cui mostrate i cestini vuoti e chiedete il bis: “Io il bis ve lo faccio anche, ma mio suocero ha sbagliato i prezzi, gli ho fatto tutti i cartellini con un cestino a 3 euro e lui ha fatto 2 e 50!” Il suocero era effettivamente molto simpatico, ma i 50 centesimi in più quelle fragole li valevano tutti.

La settimana dopo il cartello a forma di fragola gigante sulla strada non si vede più: quando si dice i prodotti di stagione!

Umana – Google: 1 – 0

Ci sono volte invece in cui la guida sportiva dell’autista in combutta con la tua candidatura a “Miss Talpa” sostituisce la classica sequenza di “Albicocche e ciliegie, rallenta, gira, acquista” in “Albicocche e ciliegie, rallenta, rallenta, minchia ti avevo detto di rallentare! Cerco su internet cosa ci siamo persi“. Ecco in quest’ultimo caso la funzionalità “cerca lungo il percorso” ti viene in aiuto: puoi iniziare il rosario dei “rallenta” con un discreto anticipo.

Umana – Google: 1 – 1

Quando la sequenza anticipata di “rallenta” non ha prodotto risultati, hai ancora la possibilità di rilanciare con un “Se non ti fermi, alla cena ci pensi tu!”. Quest’ultima affermazione potrebbere implicare l’inchiodata, talvolta l’inversione a U ma nella maggioranza dei casi viene ignorata con un sorriso. Allora prendi il nome dell’azienda e lo condividi via whatsapp a tua madre, che gode di un autista meno frettoloso, che magari fa otto volte il giro della stessa rotonda perchè ancora non ha fatto amicizia con i navigatori, come sua figlia peraltro, ma alla fine arriva a destinazione. E’ così che hai scoperto Il Frutteto, una azienda agricola vicino a Saluzzo, con ingresso comodo anche per i camper, verificato personalmente più volte.

Il Frutteto in fiore

Certo non puoi scegliere tra otto varietà di ciliegie, dieci di insalate e millemila tipi della stessa cosa come si fa nei tremendi supermercati del fresco di Torino, ma hai a disposizione frutta e verdura di stagione raccolta in giornata, in quella stessa giornata in cui tu la stai comprando. Senza trasporto in cassetta, senza camion frigo, senza portarla al banco al mercato, ma semplicemente raccolta lì, semplicemete buonissima.

Randagia, che lungo il percorso cerca sempre…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.